…di essere diventata grande

Ti accorgi di essere diventata grande, quando ti alzi al mattino e la prima preoccupazione è fare la lavatrice prima di uscire di casa.

Ti accorgi di essere diventata grande, quando il sabato sera ti ritrovi a restare a casa a fare zapping davanti alla TV o a leggere un buon libro e sei contenta lo stesso.

Te ne accorgi soprattutto quando questo accade di frequente e non ti dispiace.

Ma anche quando invece il sabato sera qualcuno ti chiama per  uscire e tutto ciò che fate è andare a mangiare una pizza, un sushi per poi tornare a casa presto.

Te ne accorgi anche quando vai a fare shopping e invece dei soliti jeans e felpa e scarpe da ginnastica cerchi pantaloni neri e abiti e décolleté, per sembrare una persona seria quando serve – praticamente sempre!

Te ne accorgi soprattutto se con te c’è il tuo ragazzo e lo vedi fare lo stesso. E lo guardi e ti sembra tuo padre, non tanto perché gli somigli, quanto perché gli abiti e le scarpe che prova nel camerino ti fanno ripensare a lui.

E te ne accorgi quando non vedi mai i tuoi genitori, quando passano anche mesi prima che possiate incontrarvi, ma la cosa non ti pesa affatto, anzi.

Te ne accorgi quando li ritrovi e li guardi e ti sembrano più vecchi di 10 anni, anche se fino a ieri ti sembravano sempre uguali.

Te ne accorgi anche quando tutte le altre persone che conoscevi cominciano a mostrare le prime rughe, i primi capelli bianchi.

Te ne accorgi quando senti la radio e le canzoni ti sembrano così banali, così tutte uguali e ingenue, e ti accorgi che gli interpreti hanno 10 anni meno di te.

Te ne accorgi quando parli con i ventenni e ti dicono di essere nati negli anni 90.

Te ne accorgi quando tua nipote, che ricordi all’età di 2 anni, viene da te e ti mostra il suo nuovo libro sulla sessualità e tu la guardi sconvolta e ti accorgi che a breve anche lei avrà un fidanzato “vero”.

Te ne accorgi quando l’estate finisce, ma tu non te ne rendi conto perché ancora i giorni sono caldi e per te non è cambiato nulla; perché il tuo tempo non è più scandito dai ritmi scolastici, ma da un qualcosa di molto più ampio, che ingloba tutto l’anno solare senza pause considerevoli al suo interno.

Te ne accorgi anche quando ovunque intorno a te i tuoi coetanei non parlano che di lavoro e matrimonio e figli e tu non puoi fare altro che stare a guardarli stralunata, chiedendoti cosa ti sia persa.

Te ne accorgi  quando perfino tu stessa parli sempre di lavoro e matrimoni – degli altri! – e di figli – delle altre! – e di politica e della situazione economica mondiale e delle guerre, dell’inquinamento, dell’ipertensione e del colesterolo, del rischio diabete e della sindrome metabolica.

Te ne accorgi soprattutto quando, mentre tutti gli altri si affannano dietro a un lavoro che non li soddisfa o che amano, ma che già li ha stancati, o semplicemente a un lavoro qualunque, tu sei lì, che ancora sogni senza fare nulla, ma poi guardi meglio e ti accorgi di avere iniziato ad avverarli quei sogni di ragazzina.

Te ne accorgi quando le tue amiche si sposano, quando le incontri e hanno il pancione grosso o un bimbo attaccato alle gambe.

Te ne accorgi quando parlando con chiunque, ti riferisci al tuo ragazzo chiamandolo “il mio compagno”, “il mio fidanzato”, “il mio convivente” e mille altri termini inutili, perché non puoi più definirlo solo “il mio ragazzo”, ma ancora lui non si decide a farsi chiamare “mio marito”.

E te ne accorgi soprattutto quando ti fa male, quando discutete del matrimonio e dei figli e ti rendi conto di non poterli avere. Non ancora.

E anche quando litigate per cose che un tempo non erano importanti, che forse non esistevano neanche, ma che ora sono diventate fondamentali.

Te ne accorgi quando guardi indietro e capisci che è passato un secolo da quella scelta che ti ha cambiato la vita…

….e te ne accorgi, quando capisci che è davvero il momento di crescere, che è ora di tirare le fila del discorso e concludere qualcosa, qualunque cosa, per non sentirti irrimediabilmente fallita…

 

settembre 2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...